Come si vota

ISTRUZIONI PRATICHE PER ESERCITARE CORRETTAMENTE IL DIRITTO DI VOTO

Quando

Le elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale di Milano del 2021 si svolgeranno nei giorni di domenica 3 dalle 7 alle 23 e lunedì 4 ottobre dalle 7 alle 15 , con eventuale turno di ballottaggio per l’elezione diretta dei sindaci nei giorni di domenica 17 e lunedì 18 ottobre 2021 con gli stessi orari.

Per poter esercitare il diritto di voto bisogna essere in possesso della tessera elettorale rilasciata dall’Ufficio elettorale del Comune di Milano e di un documento di identità valido. Sulla tessera elettorale è riportato il numero e l’ubicazione del seggio assegnato all’elettore.

Richiesta copia tessera elettorale

Esclusivamente nel periodo precedente lo svolgimento di una consultazione elettorale, è possibile richiedere il duplicato della tessera elettorale, se smarrita o deteriorata, oppure se sono esauriti gli spazi destinati alla certificazione dell’esercizio del voto. In caso di richiesta di duplicato per deterioramento o esaurimento degli spazi va esibita la tessera elettorale deteriorata o esaurita.

A quale ufficio presentare la richiesta

L’Ufficio Elettorale di via Messina, 52 e il salone anagrafico di via Larga, 12 (ingresso da via Pecorari, 3) riceveranno ad accesso libero, senza necessità di appuntamento, nei seguenti orari:

  • da lunedì 27 settembre a venerdì 1° ottobre 2021
    – dalle 8:30 alle 19:00
  • sabato 2 ottobre 2021
    – dalle 8:30 alle 20:00
  • domenica 3 ottobre 2021
    – dalle 7:00 alle 23:00
  • lunedì 4 ottobre 2021
    – dalle 7:00 alle 15:30

Maggiori informazioni

Come

Per il rinnovo del Consiglio comunale si vota sulla scheda di colore azzurro, sulla quale saranno già riportati i nominativi dei candidati alla carica di Sindaco e, a fianco di ciascuno, il simbolo o i simboli delle liste che lo appoggiano.
Per votare la nostra lista di Forza Italia BERLUSCONI per BERNARDO SINDACO una volta individuato il simbolo, basterà tracciare un segno sul simbolo, assegnando così la propria preferenza alla lista Forza Italia e di conseguenza al candidato Sindaco che sosteniamo LUCA BERNARDO; è importante scrivere il cognome BRUSCHI come il fac simile qui di seguito.

FAC SIMILE SCHEDA AZZURRA

Nei Comuni con più di 15.000 ab. è eletto Sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50% più uno).

Qualora nessun candidato raggiunga tale soglia si tornerà a votare il 17 e il 18 ottobre 2021 successiva per scegliere tra i due candidati che al primo turno hanno ottenuto il maggior numero di voti (ballottaggio). In caso di parità di voti al primo turno, verrà ammesso al ballottaggio il candidato alla lista più votata (maggiore cifra elettorale) e, in caso di ulteriore parità, verrà ammesso il più anziano di età (gli stessi criteri saranno usati in caso di parità nel ballottaggio).
Al secondo turno viene eletto Sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti.
Per stabilire la composizione del Consiglio si tiene conto dei risultati elettorali del primo turno e degli eventuali ulteriori collegamenti nel secondo. In pratica, se la lista o l’insieme delle liste collegate al candidato eletto Sindaco nel primo o nel secondo turno non hanno conseguito almeno il 60% dei seggi ma hanno ottenuto nel primo turno almeno il 40% dei voti, otterranno automaticamente il 60% dei seggi. I seggi restanti saranno divisi tra le altre liste proporzionalmente alle preferenze ottenute.

Chi vota

Per le consultazioni amministrative votano gli iscritti nelle liste elettorali che avranno compiuto il 18esimo anno di età entro domenica 3 ottobre 2021 compresa. Il voto si esercita presentandosi di persona presso la sezione elettorale del comune nelle cui liste si è iscritti. Per alcune categorie di elettori la legge prevede modalità di voto con procedura speciale:

  • i militari delle forze armate, gli appartenenti a corpi organizzati militarmente per il servizio dello Stato, le forze di polizia e il corpo nazionale dei Vigili del Fuoco possono esercitare il diritto di voto in qualsiasi sezione del comune in cui si trovano per causa di servizio;
  •  i componenti dei seggi, i rappresentanti dei partiti o dei gruppi politici presenti in parlamento, sono ammessi a votare nella sezione presso la quale esercitano il loro ufficio;
  • i ricoverati in ospedali o case di cura sono ammessi a votare nel luogo di ricovero;
  • i detenuti, ancora in possesso del diritto di voto sono ammessi ad esercitarlo nel luogo di reclusione;
  • i marittimi e gli aviatori, impossibilitati a votare nel comune di residenza, possono esercitare il diritto di voto in qualsiasi sezione del comune in cui si trovano per motivi di imbarco.